Statuto

Statuto Unione dei Comuni dei "Ventimiglia"

Download documento

Statuto Unione dei Comuni dei "Ventimiglia"

Download documento

TITOLO I° - Principi fondamentali

Art.1 - Oggetto
1.Il presente Statuto stabilisce, ai sensi di legge e dell'atto costitutivo, le norme fondamentali sull'organizzazione ed sul funzionamento dell'Ente locale autonomo, Unione, composta dai Comuni di Gangi e Geraci Siculo. L'Unione di Comuni disciplinata dal presente statuto, in seguito chiamata Unione, è denominata 'DEI VENTIMIGLIA'; il suo territorio coincide con l'intero territorio dei comuni che la costituiscono.
2.La partecipazione potrà essere ampliata ad altri Comuni che intendono perseguire gli stessi obiettivi programmatici con apposita deliberazione, che contestualmente stabilirà le condizioni d'ingresso, approvata dall'Assemblea dell'Unione e previo parere obbligatorio e vincolante dei Consigli Comunali dei Comuni aderenti.

Art.2 - Obiettivi programmatici
1.E' scopo dell'Unione promuovere lo sviluppo dell'intero territorio e la crescita delle comunità che la costituiscono attraverso la gestione collettiva ed unitaria delle funzioni a tale ente attribuite, mantenendo in capo ai singoli Comuni le funzioni e le relative competenze che più da vicino ne caratterizzano le specifiche peculiarità.
2.L'Unione persegue l'autogoverno e, nel perseguimento delle finalità e degli obiettivi che le sono propri, agisce nel rispetto dei principi previsti per l'ordinamento dei Comuni in quanto compatibili.
3.Sono obiettivi dell'Unione:
a)promuovere e concorrere allo sviluppo socio-economico del territorio comune favorendo la partecipazione dell'iniziativa economica dei soggetti pubblici e privati alla realizzazione di programmi e strutture di interesse generale compatibili con le risorse umane ed ambientali; a tal fine essa promuove l'equilibrato assetto del territorio nel rispetto e nella salvaguardia dell'ambiente e della salute dei cittadini; valorizza inoltre il patrimonio storico e artistico dei comuni e le tradizioni culturali delle loro comunità;
b)migliorare e ottimizzare la qualità di tutti i servizi erogati nei singoli comuni ed ottimizzare le risorse economico-finanziarie, umane e strumentali, esercitandoli in forma unificata;
c)armonizzare l'esercizio delle funzioni e dei servizi attribuiti, con l'esigenze generali dei cittadini, assicurando un uso equo delle risorse;
d)ampliare il numero delle funzioni e dei servizi rispetto a quelli prima gestiti dai singoli comuni, assicurandone l'efficienza e la maggiore economicità a vantaggio della collettività;
e)definire un assetto organizzativo volto al potenziamento di funzioni e servizi in termini di efficienza, efficacia ed economicità;
f)favorire la qualità della vita della propria popolazione, per meglio rispondere alle esigenze occorrenti al completo sviluppo della persona;
g)rapportarsi con gli Enti sovracomunali per una maggiore rappresentatività degli interessi del territorio.

Art.3 - Durata
1.L'unione ha una durata di (dieci anni) dalla sottoscrizione dell'atto costitutivo ed alla scadenza si scioglierà salvo diversa determinazione dei Consigli Comunali degli Enti interessati.

Art.4 - Recesso e Scioglimento
1.Ogni Comune dell'Unione può recedere anche unilateralmente non prima di (tre) anni dalla sottoscrizione dell'atto costitutivo, con deliberazione consiliare adottata con la maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati. Gli effetti del recesso decorreranno dall'esercizio finanziario successivo alla comunicazione del recesso, che comunque deve avvenire entro il 30 Giugno.
2.Il recesso di alcuni dei Comuni aderenti all'Unione non determina lo scioglimento della stessa finché permangono almeno due Comuni.
3.Se i Comuni aderenti sono due, l'Unione si scioglie nel caso di recesso di uno dei due Comuni.
4.In caso di scioglimento dell'Unione il Presidente pro tempore assume le funzioni di commissario liquidatore ed esercita tutti i poteri previsti dalla legge per la chiusura di tutti i rapporti attivi e passivi dell'Ente.
5.Nei casi di cui ai commi precedenti il personale dipendente funzionalmente assegnato all'Unione da parte dei Comuni aderenti, torna a far parte della dotazione organica di questi.

Art.5 - Sede e stemma.
1.L'Unione ha la propria sede presso il Comune di Gangi.
2.Gli uffici, per la peculiarità dei servizi attivati, possono avere sede operativa anche in luoghi diversi purché compresi nell'ambito del territorio dell'Unione.
3.Presso la sede dell'Unione è individuato apposito spazio, aperto al pubblico, da destinare all'albo pretorio per la pubblicazione degli atti e degli avvisi.
4.L'Unione ha un proprio stemma, adottato con deliberazione dell'Assemblea, che contraddistingue gli atti ufficiali dell'ente.

Art.6 - Oggetto
1.All'Unione possono essere affidate, in relazione agli obiettivi di cui all'art.2, le competenze amministrative concernenti le funzioni e i servizi sottoelencati:
Funzioni generali esterne:
Funzioni di polizia locale,Funzioni di istruzione pubblica,
Funzioni relative alla cultura e alla gestione dei beni culturali,
Funzioni nel settore sportivo e ricreativo,
Funzioni in campo turistico,
Funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti,
Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell'ambiente,
Funzioni nel settore sociale,
Funzioni nel campo dello sviluppo economico,
Funzioni relative ai servizi produttivi,
Funzioni relative alla sicurezza sui luoghi di lavoro ex D. Leg.vo 626/94,
Attività di informazione pubblica con ufficio stampa.
Funzioni generali di supporto:
Segreteria generale, personale ed organizzazione, gestione sistemi informatici integrati,
Gestione economica, finanziaria, programmazione, provveditorato e controllo di gestione.
All'Unione possono essere attribuiti eventuali, ulteriori servizi e funzioni con apposita deliberazione dei Consigli Comunali, modificativa del presente Statuto.
2.Il trasferimento delle competenze (funzioni e servizi) di cui al presente articolo verrà deliberato dai comuni di norma entro il mese di ottobre e si perfeziona mediante apposita deliberazione delle singole Giunte comunali adottate in attuazione degli atti fondamentali costitutivi dell'unione e già assunti dai Consigli comunali.
3.La Giunta comunale dovrà chiaramente indicare tempi e modalità per il trasferimento delle dotazioni organiche e finanziarie necessarie allo scopo ed indicare eventuali soluzioni di carattere transitorio a garanzia della continuità delle prestazioni dei servizi.
4.A seguito del trasferimento delle competenze l'Unione esercita tutte le funzioni, le relative competenze e gestisce le risorse assegnate.
5.In sede di prima applicazione è attribuito all'Unione l'esercizio dei seguenti servizi:
- Protezione civile,
- Analisi e studio delle provvidenze finanziarie derivanti da U.E., Stato e Regione,
- Percorsi turistici integrati, promozione turistica integrata e promozione eventi,
- Sviluppo delle attività culturali ed artistiche,
- Formazione del personale,
- Controlli interni (Controllo strategico, Controllo di gestione, Valutazione incaricati di posizione organizzativa),
- Affari legali e contenzioso,
- Ufficio di assistente sociale professionale,
- Addetto Stampa.
6.Le funzioni suddette dovranno essere svolte privilegiando lo strumento della programmazione, determinando gli obiettivi nell'ambito del bilancio di previsione, mediante la definizione di precisi progetti e la predisposizione di indicatori per il loro costante monitoraggio.

TITOLO II° Organizzazione di Governo

Art.7 - Organi
1.Sono organi dell'Unione:
a)l'Assemblea;
b)il Presidente dell'Unione;
c)Il Consiglio Direttivo.
Le indennità di funzione e i gettoni di presenza sono posti a carico dell'Unione, sono parametrati alle indennità e ai gettoni di presenza previsti per i comuni siciliani fino a 10.000 abitanti e contenute comunque entro i limiti previsti dall'art. 2 commi 23-32 della Legge n.244 del 24/12/2007.

Art.8 - Assemblea
1.Ciascun Comune è rappresentato nell'Assemblea da un numero di consiglieri proporzionato ai membri che compongono i singoli consigli comunali eletti da ciascun consiglio comunale con voto limitato ad un componente per la tutela della rappresentatività delle minoranze.
2.Costituiscono limiti inderogabili il numero massimo dei componenti i Consigli Comunali dei Comuni di popolazione pari alla popolazione complessiva dell'Unione secondo quanto previsto dall'ordinamento regionale e la rappresentanza delle minoranze.
3.L'Assemblea è composta da n.9 componenti così ripartiti: 5 consiglieri per il Comune di Gangi e 4 consiglieri per il Comune di Geraci Siculo.
4.L'elezione deve essere effettuata entro 30 giorni dalla data di costituzione dell'Unione e, successivamente, entro 45 giorni dalla data di insediamento degli organi o dalla data di ammissione di un nuovo Comune all'Unione.
5.I componenti dell'Assemblea restano in carica sino alla scadenza del loro mandato, e comunque sino all'assunzione della carica da parte dei nuovi componenti.
6.L'Assemblea viene integrata dai nuovi rappresentanti ogni qualvolta si procede alle elezioni amministrative in uno o più dei comuni aderenti; analogamente si procede all'integrazione dell'Assemblea nel caso in cui uno o più dei suoi componenti si dimetta o cessa per qualsiasi motivo dalla carica di Consigliere comunale.
7.La Presidenza dell'Assemblea è attribuita ad uno dei componenti, eletto con la maggioranza dei voti dei componenti espressi mediante votazione a scrutinio segreto. Con le stesse modalità viene eletto un Vice presidente, che sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento con le limitazioni di cui al successivo comma 9.
8.Il Presidente dell'Assemblea dura in carica un anno. Alla scadenza di detto termine si procederà ad eleggere, con le stesse modalità del comma precedente il successore, per ulteriore periodo di un anno.
9.Allo scopo di favorire il nascere e il rinsaldarsi dello spirito associazionistico tra i Comuni aderenti viene previsto di non far coincidere quali Presidente dell'Assemblea e Presidente dell'Unione componenti degli organi amministrativi dello stesso Comune, così come di non far coincidere Vice Presidente dell'Assemblea e Vice Presidente dell'Unione componenti degli organi amministrativi dello stesso comune. In sede di prima nomina, così come nel caso di ricambio successivo, si procederà prioritariamente alla nomina del Presidente dell'Unione e poi alla nomina del Presidente dell'Assemblea.
10.Il gettone di presenza da corrispondere ai consiglieri dell'Assemblea è pari al gettone di presenza previsto per i consigli comunali di Comuni aventi la popolazione complessiva dei Comuni aderenti all'Unione.
11.Al Presidente dell'Assemblea spetta un indennità pari al 25% dell'indennità spettante al Presidente dell'Unione sempre che tale indennità ecceda quella percepita nel comune di appartenenza.
12.Al Vice presidente dell'Assemblea spetta un indennità pari al 75% dell'indennità spettante al Presidente dell'Assemblea sempre che tale indennità ecceda quella percepita nel comune di appartenenza.
13.La prima riunione dell'Assemblea viene convocata dal Sindaco del Comune sede dell'Unione per la sola costituzione della stessa, successivamente dal Presidente uscente.
14.Le indennità di carica percepite quale rappresentate del Comune e rappresentante dell'Unione non sono cumulabili ed è posta a carico dell'Unione soltanto l'eccedenza rispetto all'indennità percepita nel comune di appartenenza.

Art.9 - Competenze
1.L'Assemblea dell'Unione è espressione dei Comuni che la costituiscono e pertanto ne è l'organo di indirizzo e controllo politico-amministrativo.
2.Nell'esercizio delle sue funzioni l'Assemblea può avvalersi di commissioni appositamente regolamentate.
3.Rientrano nelle competenze dell'Assemblea l'adozione di tutti quegli atti ad essa riservati dal presente Statuto e/o dai regolamenti nonché di quelli riservati dalla legislazione regionale al Consiglio Comunale.

Art.10 - Sessioni e convocazione
1.L'Assemblea è convocata e presieduta dal suo Presidente che ne formula l'ordine del giorno.
2.L'attività dell'Assemblea si svolge in sessione ordinaria o straordinaria; ai fini della convocazione, sono considerate ordinarie solo le sedute nelle quali vengono iscritte le proposte di deliberazioni inerenti l'approvazione del bilancio di previsione e del rendiconto della gestione.
3.Le sessioni ordinarie devono essere convocate almeno cinque giorni prima del giorno stabilito; quelle straordinarie almeno tre. In caso d'eccezionale urgenza, la convocazione può avvenire con un anticipo di almeno 24 ore.
4.Il Presidente convoca l'assemblea oltre che su sua iniziativa anche su richiesta di almeno un terzo dei componenti l'Assemblea; in tal caso la riunione deve tenersi entro 20 giorni e devono essere inseriti all'ordine del giorno gli argomenti proposti, purché di competenza propria e documentati in una proposta di deliberazione.
5.La convocazione è effettuata tramite avvisi scritti contenenti le questioni da trattare, da consegnarsi a ciascun componente, anche tramite fax, nel domicilio eletto nel territorio del Comune.
6.L'elenco degli argomenti da trattare deve essere comunicato ai Comuni che costituiscono l'Unione per la sua affissone nell'albo pretorio almeno entro il giorno precedente a quello stabilito per la prima adunanza.
7.Le sedute dell'Assemblea di regola sono pubbliche e le votazioni sono assunte a scrutinio palese. La seduta relativa alla trattazione di argomenti che comportino valutazioni ed apprezzamenti su persone non è pubblica e la votazione si tiene a scrutinio segreto.
8.L'Assemblea è validamente riunita con la presenza della metà più uno dei componenti. In seconda convocazione è necessaria la presenza di almeno due quinti (2/5) dei componenti.
9.Le deliberazioni sono assunte a maggioranza dei presenti, salvi i casi in cui la legge, lo Statuto o i regolamenti prevedano una maggioranza diversa.
10.Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto, per le adunanze e le deliberazioni dell'Assemblea si applica la legislazione regionale in materia.

Art.11 - Componenti l'Assemblea
1.Lo status giuridico ed economico dei componenti dell'Assemblea è quello previsto dalla legislazione regionale per i consiglieri comunali.
2.Se un componente non interviene alle sedute per tre volte consecutive senza giustificato motivo è dichiarato decaduto con deliberazione dell'Assemblea. A tale riguardo, il Presidente, a seguito dell'avvenuto accertamento dell'assenza maturata, provvede per iscritto a comunicare all'interessato l'avvio del procedimento amministrativo.
3.Il consigliere ha facoltà di far valere le cause giustificative delle assenze, nonché a fornire all'Assemblea eventuali documenti probatori, entro il termine indicato nella comunicazione scritta, che comunque non può essere inferiore a giorni 15, decorrenti dalla data di ricevimento. Scaduto quest'ultimo termine, l'Assemblea esamina e infine delibera, tenuto adeguatamente conto delle cause giustificative presentate da parte del consigliere interessato, in merito alla decadenza dalla carica.

Art.12 - Diritti e doveri
1.I consiglieri hanno diritto di presentare interrogazioni, interpellanze, mozioni e proposte di deliberazione.
2.Le modalità e le forme di esercizio del diritto di iniziativa e di controllo dei consiglieri sono disciplinati da apposito regolamento.
3.I consiglieri hanno diritto di ottenere dagli uffici dell'Unione nonché dalle sue aziende, istituzioni o enti dipendenti, tutte le notizie e le informazioni utili all'espletamento del proprio mandato. Essi, nei limiti e con le forme stabilite dall'apposito regolamento, hanno diritto di visionare gli atti e i documenti, anche preparatori e di conoscere ogni altro atto utilizzato ai fini dell'attività amministrativa e sono tenuti al segreto nei casi specificatamente determinati dalla legge.
4.I consiglieri si riuniscono in locali idonei all'interno della sede dell'Unione e dispongono della struttura organica dell'Ente per l'esercizio della propria attività istituzionale.

Art.13 - Presidente dell'Unione
1.Il Presidente dell'Unione è eletto dal Consiglio direttivo tra i Sindaci dei Comuni aderenti all'Unione; l'elezione avviene a scrutinio segreto e con voto favorevole della maggioranza assoluta dei componenti.
2.Qualora nessun candidato ottiene tale maggioranza si procede ad una votazione di ballottaggio tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti; in caso di parità il più anziano d'età.
3.Il Presidente dell'Unione dura in carica un anno. Alla scadenza del mandato si procederà ad eleggere, con le modalità di cui ai commi 1 e 2, il successore, per un ulteriore periodo di un anno. Viene stabilito il criterio della rotazione dei Sindaci quali Presidenti dell'Unione.
4.Il Presidente rappresenta l'Unione, convoca e presiede il Consiglio direttivo ed è l'organo responsabile dell'amministrazione; sovrintende alle verifiche di risultato connesse al funzionamento dei servizi, impartisce direttive al segretario e ai responsabili dei servizi in ordine agli indirizzi amministrativi e gestionali.
5.Il Presidente ha inoltre competenza e poteri di indirizzo e di coordinamento sull'attività degli altri componenti il Consiglio direttivo, nonché di vigilanza e controllo delle strutture gestionali ed esecutive.
6.Il Presidente compie gli atti di amministrazione che non sono riservati dallo statuto e dai regolamenti all'Assemblea e che non rientrano nelle competenze del Consiglio Direttivo, del Segretario e dei responsabili dei servizi.
7.Il Presidente svolge le altre funzioni attribuitegli dalla legge, dal presente statuto e dai regolamenti dell'Unione, nonché esercita le competenze riconosciute al Sindaco dal D.lgs 267/2000 e dalla legislazione regionale, purché compatibili con il presente Statuto e con le tipologie di servizi assolti dall'Unione.
8.Il Presidente può affidare ai singoli componenti il Consiglio direttivo il compito di sovrintendere ad un particolare settore dell'amministrazione o a specifici progetti, vigilando sull'esercizio dell'attività amministrativa e di gestione.
9.Lo status giuridico ed economico del Presidente dell'Unione è quello previsto dalla legislazione regionale per il Sindaco.
10.Al Presidente dell'Unione spetta un indennità pari al 65% dell'indennità spettante al sindaco di un comune con popolazione pari a quella dei comuni aderenti all'Unione sempre che tale indennità ecceda quella percepita nel comune di appartenenza.
11.Le indennità di carica percepite quale rappresentate del Comune e rappresentante dell'Unione non sono cumulabili ed è posta a carico dell'Unione soltanto l'eccedenza rispetto all'indennità percepita nel comune di appartenenza.

Art.14 - Vicepresidente
1.Il vicepresidente, nominato dal Presidente, è il componente del Consiglio Direttivo che lo sostituisce nell'esercizio di tutte le funzioni in caso di sua assenza o impedimento.
2.Lo status giuridico ed economico del Vicepresidente è quello previsto dalla legislazione regionale per il vice sindaco.
3.Al Vicepresidente dell'Unione spetta un indennità pari al 90% dell'indennità spettante al Presidente dell'Unione sempre che tale indennità ecceda quella percepita nel comune di appartenenza.
4.Le indennità di carica percepite quale rappresentate del Comune e rappresentante dell'Unione non sono cumulabili ed è posta a carico dell'Unione soltanto l'eccedenza rispetto all'indennità percepita nel comune di appartenenza.

Art.15 - Linee programmatiche di mandato
1.Entro il termine di 60 giorni, decorrenti dalla data del suo avvenuto insediamento, sono presentate all'Assemblea, da parte del Presidente, le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare durante il suo mandato politico-amministrativo.
2.Ciascun consigliere componente l'Assemblea ha il pieno diritto di intervenire nella definizione delle linee programmatiche, proponendo integrazioni, adeguamenti e modifiche, mediante presentazione di appositi emendamenti, nelle modalità indicate dal regolamento dell'Assemblea.
3.Al termine del mandato politico-amministrativo, il Presidente presenta all'Assemblea il documento di rendiconto dello stato di attuazione e di realizzazione delle linee programmatiche. Detto documento è sottoposto all'approvazione dell'Assemblea, previo esame del grado di realizzazione degli interventi previsti.

Art.16 - Il Consiglio Direttivo
1.Il Consiglio Direttivo, è organo di impulso e di indirizzo, collabora col Presidente per il governo dell'ente e impronta la propria attività ai principi della trasparenza e dell'efficienza.
2.Adotta tutti gli atti idonei al raggiungimento degli obiettivi e delle finalità dell'ente nel quadro degli indirizzi generali e in attuazione delle decisioni fondamentali approvate dall'Assemblea. In particolare esercita le funzioni di indirizzo amministrativo, definendo gli obiettivi e i programmi da attuare e adottando gli altri atti rientranti nello svolgimento di tali funzioni, verifica la rispondenza dei risultati dell'attività amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti, riferisce annualmente all'Assemblea sulla sua attività, in sede di rendiconto di gestione.
3.Il Consiglio Direttivo, in particolare:
approva lo schema di bilancio di previsione annuale e pluriennale, la relazione previsionale e programmatica, lo schema di rendiconto della gestione, decide in ordine alle azioni da intentare e sostenere in giudizio in qualsiasi grado, nonché ai ricorsi amministrativi giurisdizionali e arbitrati e autorizza il Presidente a stare e a resistere in giudizio davanti all'autorità giudiziaria e a qualsiasi altra giurisdizione speciale, decide in ordine ad eventuali transazioni, decide in ordine alla programmazione di consulenze legali, di collaborazioni esterne non riservate al Presidente, determinandone il compenso e le condizioni, rientra nelle competenze del Consiglio Direttivo l'adozione di tutti quegli atti ad esso riservati dal presente Statuto e/o dai regolamenti nonché di quelli riservati dalla legislazione regionale alla Giunta Municipale.

Art.17 - Composizione del Consiglio Direttivo
1.Il Consiglio Direttivo è composto dai Sindaci dei Comuni dell'Unione e si costituisce autonomamente dopo la costituzione dell'Assemblea.
2.Lo status giuridico ed economico dei componenti del Consiglio direttivo, che non siano Presidente o Vicepresidente, è quello previsto dalla legislazione regionale per gli Assessori. Ad essi spetta un indennità pari al 40% dell'indennità spettante al Presidente dell'Unione sempre che tale indennità ecceda quella percepita nel comune di appartenenza.
3.Le indennità di carica percepite quale rappresentate del Comune e rappresentante dell'Unione non sono cumulabili ed è posta a carico dell'Unione soltanto l'eccedenza rispetto all'indennità percepita nel comune di appartenenza.
4.In caso di assenza o impedimento ogni Sindaco è sostituito dal proprio vice-sindaco.

Art.18 - Funzionamento del Consiglio Direttivo
1.Il Consiglio Direttivo è convocato e presieduto dal Presidente, che coordina l'attività dei suoi componenti e stabilisce l'ordine del giorno delle riunioni, anche tenuto conto degli argomenti proposti dai singoli componenti.
2.Le sedute sono valide con la presenza della maggioranza dei componenti e le deliberazioni sono adottate dalla maggioranza dei presenti. Le deliberazioni sono adottate validamente con il voto favorevole della metà più uno dei componenti il consiglio direttivo.
3.Le sedute non sono pubbliche.
4.Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto, per le adunanze e le deliberazioni del Consiglio direttivo si applica la legislazione regionale in materia.

TITOLO III° - Istituti di partecipazione e diritti dei cittadini

Art.19 - Partecipazione popolare
1.L'Unione promuove e tutela la partecipazione dei cittadini, singoli o associati, all'amministrazione dell'ente al fine di assicurarne il buon andamento, l'imparzialità e la trasparenza.
2.La partecipazione popolare si esprime attraverso l'incentivazione delle forme associative e di volontariato e il diritto dei singoli cittadini a intervenire nel procedimento amministrativo.

Art.20 - Accesso agli atti
1.Ciascun cittadino ha libero accesso alla consultazione degli atti dell'amministrazione e dei soggetti, anche privati, che gestiscono servizi pubblici.
2.Possono essere sottratti alla consultazione soltanto gli atti che esplicite disposizioni legislative dichiarano riservati o sottoposti a limiti di divulgazione.
3.La consultazione degli atti di cui al primo comma deve avvenire con richiesta motivata dell'interessato, nei tempi stabiliti da apposito regolamento che stabilisce i tempi e le modalità per l'esercizio dei diritti previsti nel presente articolo.

Art.21 - Diritto di informazione
1.Tutti gli atti dell'amministrazione, sono pubblici e devono essere adeguatamente pubblicizzati.
1.Ai fini informativi nei confronti delle comunità locali la pubblicazione avviene, di norma, mediante affissione all'Albo Pretorio di ciascun comune aderente all'Unione.

Art.22 - Diritto di intervento nei procedimenti
1.Chiunque sia portatore di un diritto o di un interesse legittimo coinvolto in un procedimento amministrativo ha facoltà di intervenirvi con le modalità di cui all'apposito regolamento.

Art.23 - Rapporti con i Comuni componenti l'Unione
1.L'Unione invia ai Sindaci e ai Presidenti dei Consigli dei Comuni aderenti copia delle deliberazioni adottate dagli organi collegiali e del Presidente dell'Unione.
2.Per argomenti di particolare rilievo, di competenza dell'Assemblea, possono essere richiesti pareri ai singoli Consigli Comunali.

Art.24 - Rapporti con altri enti
1.L’Unione può avvalersi di tutte le forme associative e di partecipazione previste dalla legislazione vigente.

Art.25 - Obiettivi dell'attività amministrativa e della gestione
1.L'Unione informa la propria attività amministrativa e la gestione ai principi di democrazia, di partecipazione, di trasparenza, di efficienza, di efficacia, di economicità e di semplicità delle procedure.

TITOLO IV° Organizzazione

Art.26 - Principi strutturali e organizzativi
1.Gli Organi dell'Unione individuano gli obiettivi prioritari e stabiliscono le modalità per la valutazione della qualità dei risultati in relazione agli obiettivi definiti e all'efficienza nell'uso delle risorse.
2.L'azione amministrativa deve: tendere all'avanzamento progressivo dei risultati riferiti alla qualità dei servizi e delle prestazioni, alla rapidità ed alla semplificazione degli interventi, al contenimento dei costi, all'estensione dell'area e dell'ambito di fruizione delle utilità sociali prodotte a favore della popolazione dell'Unione.
3.A tal fine l'Unione assume i metodi della formazione e della valorizzazione del proprio apparato burocratico curando altresì la progressiva informatizzazione della propria attività secondo metodi che ne consentano l'accesso anche tramite terminali posti presso gli uffici dei Comuni od altri luoghi idonei.
4.Per la semplificazione e la qualità dell'azione amministrativa, si provvede di norma mediante conferenze di servizi e il confronto con i lavoratori dipendenti e le loro organizzazioni sindacali. Il Presidente avanza proposte operative sulla metodologia di lavoro, sullo sviluppo delle dotazioni tecnologiche e sul processo di costante razionalizzazione delle unità operative delle procedure anche in base alle conoscenze ed alle valutazioni acquisite grazie agli esiti del controllo economico di gestione.
5.Nello spirito di concreta collaborazione fra enti, l'Unione:
ricerca con le Amministrazioni Comunali ogni forma di collaborazione organizzativa idonea a rendere, nel rispetto delle professionalità dei rispettivi dipendenti, la reciproca azione più efficace, efficiente ed economica;
indirizza e coordina l'adozione di ogni iniziativa diretta a diffondere cultura, modi e strumenti in esecuzione dell'attività amministrativa fra loro conformi tra il proprio apparato e quello dei Comuni.

Art.27 - Organizzazione degli uffici e dei servizi
1.L'Unione dispone di uffici propri e/o si avvale di quelli dei Comuni partecipanti.
2.L'organizzazione degli uffici e dei servizi è improntata a criteri di autonomia operativa e di economicità di gestione, al rispetto dei principi della professionalità e della responsabilità nel perseguimento degli obiettivi programmatici prestabiliti dagli organi istituzionali.
3.L'Unione disciplina, con apposito regolamento approvato dal Consiglio Direttivo nel rispetto dei principi generali stabiliti dall'Assemblea, l'ordinamento generale degli uffici e dei servizi, contenente la dotazione organica del personale, in base a criteri di autonomia, funzionalità ed economicità di gestione, nel rispetto del principio di separazione tra funzione politica e di controllo attribuita all'Assemblea, al Presidente e al Consiglio Direttivo e funzione di gestione attribuita ai responsabili degli uffici e dei servizi, e secondo principi di professionalità e responsabilità al fine di assicurare la rispondenza al pubblico interesse dell'azione amministrativa nonché la realizzazione degli obiettivi programmati.

Art.28 - Uffici e personale
1.La dotazione organica dell'Unione può essere costituita da:
a)personale convenzionato con i Comuni
b)personale comandato dai Comuni
c)personale proprio
2. I criteri della logica organizzativa sono l'autonomia, la funzionalità, l'economicità e l'innovazione.
3. Per una moderna e funzionale organizzazione l'amministrazione adotta le metodologie e le tecnologie più idonee a rendere efficiente ed efficace l'azione amministrativa e la gestione. In particolare sono adottati metodi e tecniche per il controllo di gestione, la contabilità analitica e l'automazione negli uffici e servizi.
4. L'Unione si può avvalere dell'opera del personale dei singoli comuni aderenti; può assumere personale a tempo determinato e assegnare incarichi professionali. Può inoltre assumere personale a tempo indeterminato solo previo accordo di programma adottato dall'Unione e dai singoli comuni aderenti, che disciplini i termini con i quali tale personale, in caso di scioglimento,transiterà ai comuni.
5.L'esercizio delle funzioni e dei servizi oggetto dell'Unione comporta l'unificazione delle relative strutture burocratico-amministrative, compatibilmente con le esigenze dei singoli comuni.
6. Al personale dell'unione si applica la normativa vigente per il personale degli enti locali.

Art.29 - Responsabili degli uffici e dei servizi
1.I responsabili dei servizi provvedono agli atti di gestione dell'ente per l'attuazione degli indirizzi e degli obiettivi definiti nel documento programmatico dell'Amministrazione, organizzando, in tal senso ed allo scopo, gli uffici e i servizi a essi assegnati secondo le direttive impartite dal Presidente e dal Consiglio Direttivo cui rispondono direttamente del loro operato e del risultato raggiunto.
2.Essi sono individuati dal Consiglio direttivo e nominati dal Presidente, tra le figure apicali delle aree di attività indicate nel regolamento di organizzazione degli uffici e servizi.

Art.30 - Segretario dell'Unione.
1.Il Segretario dell'Unione è nominato dal Presidente dell'Unione fra i Segretari Comunali dei Comuni aderenti; in caso di sua assenza o impedimento le funzioni sono assunte da altro Segretario o Vicesegretario dei comuni partecipanti all'Unione.
2.Il Segretario svolge compiti di collaborazione e funzioni d'assistenza giuridico-amministrativa agli organi dell'Unione.
3.Il Segretario inoltre:
partecipa con funzioni consultive, referenti e d'assistenza alle riunioni dell'Assemblea e del Consiglio Direttivo e ne cura la verbalizzazione;
roga tutti i contratti nei quali l'Unione è parte ed autenticare scritture private e atti unilaterali nell'interesse dell'Ente;
esercita ogni altra funzione attribuitagli dai regolamenti o conferitagli dal Presidente dell'Unione.
4.Lo stato giuridico del segretario è stabilito dalla legge e dalla contrattazione collettiva. Il trattamento economico spettante per l'esercizio delle funzioni di Segretario dell'Unione è pari ad '.4.000,00 annui lordi.
5.Il Segretario svolge anche le funzioni di direttore dell'Unione.

Art.31 - Collaborazioni esterne
1.Il regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi può prevedere collaborazioni esterne, con rapporto di lavoro autonomo per obiettivi determinati e con convenzioni a termine.
2.Le norme regolamentari per il conferimento degli incarichi di collaborazione a soggetti estranei all'amministrazione devono stabilirne la durata, che non potrà essere superiore alla durata del mandato del Presidente, e i criteri per la determinazione del relativo trattamento economico.

TITOLO V° Finanza e contabilità

Art.32 - Attività finanziaria
1.Per quanto attiene alla finanza, alla contabilità ed al regime fiscale all'Unione si applicano le disposizioni dettate per gli Enti locali. L'Unione ha autonomia finanziaria, nell'ambito delle leggi sulla finanza pubblica locale, fondata sulla certezza di risorse proprie e trasferite.
2. L'Unione ha potestà impositiva autonoma nel campo delle imposte, delle tasse e delle tariffe, nei limiti stabiliti dalla legge, con riguardo alle materie ed ai compiti che le sono stati attribuiti.
3.La finanza locale dell'Unione è costituita da:
contributi erogati dallo Stato;
contributi erogati dalla regione;
trasferimenti operati dai comuni componenti;
tasse e diritti per servizi pubblici;
risorse per investimenti;
altre entrate.

Art.33 - Rapporti finanziari con i comuni costituenti l'Unione
1.L'Unione introita tasse, tariffe e contributi relativi ai servizi gestiti direttamente dall'Unione stessa.
2.L'eventuale contributo annuale al bilancio dell'Unione a carico dei comuni è determinato dalla differenza tra l'ammontare complessivo delle spese e la somma di tutte le entrate dell'Unione.
3.La spesa a carico di ogni singolo comune è calcolata in proporzione al numero degli abitanti rilevati al 31 dicembre dell'anno precedente all'esercizio finanziario in cui si redige il bilancio.
4.E' fatto obbligo all'Unione di comunicare entro il 31 ottobre, eventuali scostamenti o variazioni nelle previsioni a carico dei comuni, per consentire, in fase di assestamento, di adeguare il relativo stanziamento di spesa.

Art.34 - Bilancio e programmazione finanziaria
1.L'Unione, previo accordo programmatico annuale con i Comuni sulla scorta delle disponibilità finanziarie degli stessi e secondo i termini e le modalità previsti per i Comuni stessi, delibera il bilancio di previsione per l'anno successivo.
2.Eventuali variazioni al bilancio di previsione dell'Unione che comportino maggiori spese non coperte da maggiori entrate, devono essere preventivamente sottoposte all'esame dei Comuni aderenti.
3.L'attività economico-finanziaria dell'Unione è disciplinata secondo le norme di contabilità proprie degli enti locali.
4.Le modalità organizzative per lo svolgimento dell'attività economico-finanziaria sono disciplinate da un apposito regolamento di contabilità.

Art.35 - Controllo economico della gestione
1.Il Regolamento di contabilità deve prevedere metodologie di analisi che consentano la valutazione dei costi economici dei servizi, l'uso ottimale del patrimonio e delle risorse personali, nonché la verifica dei risultati raggiunti rispetto a quelli programmati.

Art.36 - Revisione economica e finanziaria
1.La revisione economico-finanziaria è affidata ad un Organo di revisione, nominato dall'Assemblea, ai sensi della legislazione regionale in materia.
3.Al revisore si applicano le disposizioni di cui agli art.234 e segg. del D.Lgs. 267/2000.
4.Ai componenti l'organo di revisione spetta un compenso non superiore al 30% del compenso spettante ai componenti l'organo di revisione di comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti.
5.Sino all'elezione dell'organo di revisione e comunque non oltre il I esercizio, l'Unione si avvarrà dell'Organo di revisione del Comune di Gangi.

Art.37 - Servizio di Tesoreria
1.Il servizio di Tesoreria dell'ente è svolto, ai sensi di legge, da un Istituto bancario.
2.I rapporti con il tesoriere sono regolati dalla legge, dal regolamento di contabilità nonché da apposita convenzione.

TITOLO VI° Norme transitorie

Art.38 - Costituzione
1.L'Unione si costituisce a seguito della sottoscrizione dell'atto costitutivo.
2.Fin quando l'Unione non si dota di propri regolamenti, si dovranno osservare le norme regolamentari del Comune in cui ha sede dell'Unione.
3.Le spese di prima costituzione sono sostenute dal Comune in cui ha sede l'Unione e successivamente rimborsate dall'Unione.

Art.39 - Norme finanziarie
1.L'Unione delibera entro 90 giorni dal proprio insediamento il bilancio di previsione.
2.Per l'anno finanziario successivo alla sua costituzione, entro sei mesi da questa, è approvato un piano di spesa da suddividere tra i comuni in relazione al criterio di cui al precedente art.33.
3.Nelle more dell'avvio di un proprio servizio di tesoreria ogni riscossione e pagamento avvengono presso le singole tesorerie comunali per le loro spettanze e presso il Tesoriere del Comune sede dell'Unione per l'accredito di contributi di terzi.

Art.39 - Rinvio
1.Per quanto non previsto nel presente statuto si rinvia alla normativa statale e regionale in materia di ordinamento degli enti locali.

Secondo quanto disposto dal nuovo regolamento GDPR sulla Privacy 2018, ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, si rende noto che questo sito fa uso di cookies tecnici, che non tracciano informazioni di carattere personale, e anche di cookies di terze parti. L’Accettazione di cookies di terze parti è facoltativa, anche se potrebbe limitare la tua esperienza durante la navigazione del sito. Per ulteriori informazioni sull’attivazione disattivazione dei singoli cookies di terze parti, accedere alla sezione PRIVACY del sito.